Dare vita al Brand attraverso l’Experience Map®.

By Michele Genghi

Creative Director

Thinking

31 mag, 2017

Seguici e commenta sui social

La strategia è inutile se non si trasforma in esperienza. In Landor, quando approcciamo la strategia di una marca, prendiamo in considerazione tutte le modalità con cui il brand può creare un rapporto personale con ogni membro del suo pubblico. Pensiamo al brand come ad un'entità: come ti fa sentire? Come appare? Come parla? Cosa fa e come si comporta?

Queste domande forniscono la struttura della Brand Experience Map®, uno strumento che abbiamo sviluppato in Landor per progettare e tenere sotto controllo le esperienze generate dalle marche dei nostri clienti. L’Experience Map® consente inoltre di visualizzare ed esprimere l’intero potenziale di un brand, al di là della sua identità visuale. Pensate ad alcune manifestazioni di brand distintivi e coinvolgenti: le bolle effervescenti mentre viene versata una Coca Cola, il suono quando pubblicate un tweet… 

Nel caso di Amplifon abbiamo utilizzato l’Experience Map per cambiare la percezione che gli utenti avevano nei confronti del brand: Landor and Amplifon Creating a revolutionary brand experience.

La Brand Experience Map® si articola su 6 aspetti chiave. Il cuore è costituito dal “Brand Driver®” (Putting brand in the driver's seat) la piattaforma strategica della marca attorno a cui si sviluppano 5 aree ben specifiche: LookTalkFeelDoDream.

In che modo il marchio coinvolge visivamente il pubblico?

Nel “Look” definiamo l’aspetto fisico del brand (colore, tipografia, stile fotografico...) su tutti i canali.

Come si esprime la marca attraverso le parole? Di cosa parla?

Analogamente al suo aspetto fisico, la identità verbale della marca “Talk” permette alla marca farsi riconoscere dai suoi interlocutori attraverso un tono di voce, un modo di esprimersi e contenuti caratteristici.

Come possiamo utilizzare le 3 dimensioni ed i 5 sensi per raggiungere il nostro pubblico?

Nella sezione “Feel” estendiamo l'esperienza a tutti i touch-point fisici e digitali della marca come branded environments, information ed orientation systems, website, app ed enhanced environments.

Come cliente, cosa devo aspettarmi quando interagisco con il marchio? Come collaboratore, come posso trasferire la brand promise?

Molto spesso la nostra percezione di una marca è ‘filtrata’ dall’azione di esercenti, camerieri, personale allo sportello, o dipendenti. La sezione “Do” della Brand Exerience Map® aiuta i nostri clienti ad attivare la cultura aziendale; esternamente, definisce lo stile con cui le persone interagiscono con gli utenti.

Una marca può sognare? Noi crediamo di si: ci piace pensare che un brand sia in grado di andare oltre la propria “comfort zone” per scoprire nuove opportunità del mercato e creare nuovi collegamenti emotivi con il proprio pubblico. E’ quello che accade nella sezione “Dream”.

Nella pratica, non sempre ci è possibile completare ogni sezione dell’Eperience Map®, ma va bene anche così. Come partner, utilizziamo questo approccio per instaurare una conversazione positiva e creativa con i nostri clienti, portando un pensiero in grado di guidare ed ispirare le loro marche.

Hai trovato interessante questo articolo? Se sei curioso e vuoi più informazioni scrivici qui.